Questo sito utilizza cookies e strumenti simili per migliorare la tua esperienza di navigazione.

OK

Per avere maggiori informazioni sui cookies da noi utilizzati o su come modificare le tue impostazioni, vedi Politica sui Cookies. Da qui puoi cancellare la tua autorizzazione in qualsiasi momento.

Obbligo di marcatura per droni

18.12.2017
I sistemi di marcatura laser Panasonic provvedono all'etichettatura su vetro sottile per l'identificazione di droni

Roboterwerk sceglie Panasonic per l'identificazione di droni

Poiché i droni si stanno diffondendo sempre più, aumenta di conseguenza anche la necessità di fermare gli abusi. La serie dei reati registrati sull'abuso di droni va dalle foto scattate illegalmente, violando potenzialmente la privacy, alle intrusioni nello spazio aereo controllato di aeroporti.
Da anni l'azienda Roboterwerk di Obing (presso Traunstein) è interessata a questo tema poiché la sua attività principale è la guida di robot e la tecnologia dei droni. L'azienda tiene a sottolineare che l'obbligo di marcatura stabilito dal Ministero dei Trasporti della Germania per perseguire almeno retroattivamente l'uso illegale di multicotteri non è sufficiente. Alla Roboterwerk sono convinti che molte delle targhette e delle etichette di alluminio resistenti al fuoco prescritte dalle normative sui droni sarebbero difficilmente leggibili dopo incidenti gravi. Quando si verificano vibrazioni o collisioni di droni, aumenta il rischio che le batterie di litio si infiammino.

Identificazione e protezione antifurto

Tenendo presenti questi aspetti, Roboterwerk ha realizzato, insieme ad altri partner, fra cui Panasonic, una nuova soluzione per la marcatura di droni.
Quando una batteria si infiamma, si raggiungono temperature superiori ai 660 °C. Dato il punto di fusione dell'alluminio, una targhetta di tale materiale non può resistere a queste temperature e il proprietario del drone non è quindi più identificabile. Di conseguenza si doveva trovare un materiale resistente a tale temperature. La nuova soluzione è uno speciale vetro sottile. Su tale vetro speciale i marcatori laser di Panasonic appongono l'indirizzo del proprietario che resta leggibile persino dopo un incidente con sviluppo di fiamme, resistendo a temperature superiori a 800°C.
Un altro punto è che attualmente non vi sono misure per prevenire la falsificazione. "Chiunque acquisti una targhetta può quindi apporre dati falsi", spiega Moritz Aßmus, portavoce di Roboterwerk. Una micromarcatura supplementare dell'identificatore con dati confermati del proprietario potrebbe rappresentare un procedimento a prova di falsificazione.

Marcatura laser su vetro sottile

All'etichettatura di identificazione su vetro sottile provvedono i sistemi di marcatura laser Panasonic. I marcatori laser Panasonic consentono l'etichettatura permanente di tutte le informazioni importanti su lastre di vetro sottile.
La marcatura nera in forte contrasto è altamente resistente all'abrasione, agli agenti atmosferici, a temperature superiori ai 1000°C, a solventi o altre sostanze chimiche.

Con lo speciale vetro sottile e i nostri sistemi di marcatura laser nulla dovrebbe più impedire l'identificazione corretta del proprietario e la protezione dagli abusi di droni.